SHARE
TWEET

Untitled

a guest Jan 31st, 2018 37 Never
Not a member of Pastebin yet? Sign Up, it unlocks many cool features!
  1. #### I meme nati da "Un giorno in pretura" legittimano i meccanismi e il sistema di pensiero che portano alla malagiustizia — è ora di chiedersi quali siano le responsabilità delle pagine che hanno contribuito al fenomeno
  2.  
  3. In un'aula di tribunale l'inquadratura si sposta avanti e indietro, con un ritmo regolare da scambio tennistico, dai banchi della difesa alla sedia su cui siede il testimone.
  4.  
  5. Le domande e le risposte si inseguono. Al testimone viene chiesto se, ai tempi dei fatti, avesse seguito un suo amico in bagno. A questa domanda segue un botta e risposta surreale:
  6.  
  7. > _— Testimone: "Ma naturalmente no, ero sul divano"  
  8. __— Avvocato della difesa (sorpreso): "Ma non stava facendo da mangiare?"  
  9. __— Testimone: "Eh avvocato, io sono polivalente."  
  10. __— Avvocato della difesa (indispettito): "Era sul divano o stava facendo da mangiare?"  
  11. __— Testimone (con semplicità, quasi sorpreso dell'altrui sorpresa): "Entrambe le cose!"  
  12. __— Avvocato della difesa (incredulo): "Contemporanemente? Ah, ecco!"_
  13.  
  14. Questo scambio di battute non fa parte di un'opera di narrativa, ma è realmente avvenuto tra l'avvocato Luca Marsico e Alberto Biggiogero ed è stato prima immortalato dalle telecamere di _Un giorno in pretura_ — un programma in onda su Rai 3, condotto da Roberta Petrelluzzi, che "racconta i casi di cronaca giudiziaria più noti e discussi d'Italia" — per poi essere reso celebre dalla [pagina Facebook][1] _Non uscire il sabato per vedere un giorno in pretura_, che, al momento, conta più di 350.000 like.
  15.  
  16. Alberto Biggiogero, il teste, per questo e per altri estratti dalla notevole carica comica è diventato rapidamente famoso — o meglio, virale — e si è trasformato in un _meme_ che dalla pagina che lo ha originato è tracimato in altre, a loro volta seguitissime, come [_Non sono bello ma spaccio_][2] e [_Intrashttenimento 2.0_][3]. I creatori della pagina _Non uscire il sabato per vedere un giorno in pretura_ — che è stata aperta ad ottobre del 2017 — si chiamano Francesco Liscio e Francesco Ippolito e, in seguito alla crescita della loro creatura, hanno raggiunto una discreta notorietà che li ha portati ad essere intervistati dal TG3 e da VICE.
  17.  
  18. Proprio [nell'intervista rilasciata][4] a VICE, ai due viene chiesto se abbiano mai ricevuto critiche. I due rispondono: "Molte critiche sono arrivate per i video che riguardavano il caso Uva, anche perché quando Alberto Biggiogero non era così 'famoso' erano in pochi a sapere che avesse ucciso il padre. Quelli che non hanno seguito il caso per intero ci hanno criticato perché credevano che la pagina scherzasse su processi sensibili come quello sulla morte di Giuseppe Uva." Raccontano, inoltre, di essere stati bollati come "venduti" per il lancio del [merchandising][5] della pagina — che non ruota solo attorno ad Alberto Biggiogero, ma si propone di scovare i momenti più comici e trash di tutti i processi raccontati dalla trasmissione di Rai 3. Una critica, secondo loro, "insensata."
  19.  
  20. ![spaccio][6]
  21.  
  22. Ad una prima visione, i video di Alberto Biggiogero fanno inevitabilmente ridere, ma bastano gli estratti che si vedono su Facebook si capisce che il processo è assolutamente grave e serio. In sintesi, una sera del giugno 2008 due amici, Biggiogero e Giuseppe Uva, vengono fermati dalla polizia in stato di ebbrezza mentre per scherzo stavano transennando una via del centro di Varese. I due vengono fermati e portati alla caserma dei Carabinieri di via Saffi. Nella caserma Uva rimane tre ore per poi essere trasferito in un ospedale psichiatrico.
  23.  
  24. ![Giuseppe Uva][7]
  25.  
  26. Giuseppe Uva
  27.  
  28. Il giorno dopo Uva muore, e sia secondo la ricostruzione di Biggiogero — che era trattenuto nella stessa caserma, ma in un'altra stanza — sia secondo i familiari di Uva, il decesso è stato causato da un pestaggio ad opera delle forze dell'ordine.
  29.  
  30. Da quel momento l'accertamento della verità intraprende un percorso tortuoso che ancora non si è risolto. Per aiutarci a chiarire la questione abbiamo sentito Valentina Calderone, direttrice [dell'associazione][8] _A Buon diritto_, che si è occupata a lungo della vicenda insieme al [senatore Luigi Manconi][9].
  31.  
  32. "Come in tutti i processi che abbiamo seguito nel corso degli anni, è evidente che c'è una difficoltà a conoscere e a comprendere quali siano stati i fatti," ci spiega. "Nella maggior parte dei casi il processo diventa una sorta di processo contro la vittima e contro i familiari della vittima, e in questo caso è particolarmente evidente perché Alberto Biggiogero fin dal primo momento è stato ritenuto inaffidabile."
  33.  
  34. ![logo_abd_asso][10]
  35.  
  36. Biggiogero, che ha sempre sostenuto di aver sentito le grida dell'amico quando i due erano trattenuti in caserma, il mattino in cui viene rilasciato, come prima cosa, "fa un esposto, un atto ufficiale per denunciare ciò che aveva sentito e ciò che aveva visto. Ci sono voluti _anni _perché i pubblici ministeri (Agostino Abate e Sara Arduini, che erano i due incaricati all'epoca _nda_) decidessero di ascoltarlo," spiega la dottoressa Calderone.
  37.  
  38. "È un processo che è partito monco dall'inizio, tutta una serie di azioni che dovevano essere fatte nell'immediatezza non sono state fatte e poi è difficile farle a distanza di anni. Questo aspetto ha provocato delle storture processuali a cui è stato difficile rimediare successivamente."
  39.  
  40. Proprio per queste storture il pubblico ministero Agostino Abate [è stato accusato di abusi e negligenze da parte della Procura Generale della Cassazione][11] e lui e la collega Sara Arduini [sono stati sanzionati dalla sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura][12].
  41.  
  42. ![Il pm Agostino Abate][13]
  43.  
  44. Il pm Agostino Abate
  45.  
  46. Il documento della Procura Generale della Cassazione parla di "una condotta ingiustificatamente aggressiva ed intimidatoria nei confronti dei componenti del collegio dei periti […] con modalità tali da indurre in questi ultimi una condizione di soggezione e di derisione." Questo atteggiamento, aggressivo ed intimidatorio, si ritrova anche negli interrogatori fatti dal pm Abate a [Biggiogero][14] e a [Manconi][15], sentito come persona informata sui fatti in seguito alle sue dichiarazioni pubbliche sul caso Uva.
  47.  
  48. Quindi — nonostante in molti [siano inclini a credere nell'innocenza delle forze dell'ordine][16] coinvolte, che in primo grado sono state assolte "perché il fatto non sussiste" — le storture procedurali del processo, sottolineate da Valentina Calderone, sono ampiamente confermate. Un altro dato che, perlomeno, fa storcere il naso è il fatto che i pubblici ministeri Abate e Arduini abbiano scelto come avvocato per il ricorso contro il provvedimento disciplinare [Luca Marsico][17], lo stesso avvocato che prendeva le parti della difesa nel processo Uva.
  49.  
  50. Comunque vada il processo, resta sbagliato derubricare Alberto Biggiogero come una fonte totalmente inattendibile perché affetto da un [disturbo borderline][18]_ _(che, tendenzialmente, si caratterizza per impulsività e instabilità, non per estraniazione dalla realtà) o perché, sette anni dopo l'inizio del processo, [ha ucciso il padre][19].
  51.  
  52. "Sono due cose completamente diverse," sostiene la dottoressa Calderone. "Alberto Biggiogero è una persona che dall'inizio della vicenda Uva ha subito un grande trauma psicologico  per come è stato trattato negli anni successivi, anche in sede processuale, quando ancora il suo profilo di colpa rispetto alle vicende che poi lo hanno portato ad essere in carcere non sussisteva. Non dovrebbe essere neanche argomento di discussione, non sono due cose che possono essere messe a paragone della serie 'dato che è successo questo nel 2015 vuol dire che quello che era successo nel 2008 non fosse vero' significa confondere i piani, non ha senso e crea confusione e disinformazione."
  53.  
  54. Il padre [aveva smentito il figlio in merito ad una telefonata in cui avrebbe detto][20] "stanno massacrando di botte Beppe (Giuseppe Uva _nda_)," ma sembra improbabile che il movente dell'omicidio sia questo, dato che a causa del fatto la sua attendibilità si sarebbe solamente potuta ridurre.
  55.  
  56. Pagine come _Non uscire il sabato per vedere un giorno in pretura _contribuiscono in modo decisivo a trasformare  testimoni importanti di processi gravi — il meccanismo si era già visto ai tempi del "[caso Alongi][21]" — in giullari inattendibili o tossici irrecuperabili solo per, come ha sottolineato la dottoressa Calderone, "aver adottato dei comportamenti che la grande maggioranza di noi ha: uscire il sabato sera e bere più del consentito oppure fumarsi due canne. Si tratta di una demonizzazione di comportamenti che sono talmente tanto comuni che sarebbe ipocrita giudicarli come delle cose che non esistono nel nostro paese."
  57.  
  58. Questa demonizzazione parte nelle aule dei tribunali, passa da un programma di cronaca come _Un giorno in pretura_, e sui social si trasforma in una grossa, ignorante risata. Una risata noncurante della celebrità, e delle conseguenze negative della celebrità, a cui forzosamente sono costrette persone fragili come Andrea Alongi e Alberto Biggiogero, e che li trasforma in personaggi da _merchandising_.
  59.  
  60. Da parte loro, gli amministratori della pagina dichiarano di conoscere approfonditamente il processo ("Abbiamo detto più volte che non giustifichiamo nessuno e pubblichiamo con cognizione di causa perché ci informiamo sui processi e li vediamo interamente") ma poi respingono le critiche riguardanti il caso Uva [dicendo che][4] "quando Alberto Biggiogero non era così 'famoso' erano in pochi a sapere che avesse ucciso il padre."
  61.  
  62. In [un articolo apparso su Prismo][22], Hamilton Santià, parlando di _E Unibus Pluram _di David Foster Wallace, scriveva che il libro_ "_era un campanello d'allarme verso l'ironia, la sua tendenza ad assorbire, normalizzare e disinnescare ogni analisi critica; annullare qualsiasi differenza in nome di una riscoperta vacuità post-ideologica; istituzionalizzare quello che in Italia chiamammo _riflusso._" Ed è proprio questo _riflusso_ che sminuisce ogni critica bollandola come "politically correct" o "moralista." Prosegue Santià: "Nel momento in cui ogni analisi del reale viene accompagnata dalla frase 'e fattela una risata' capisci che il pericolo è molto più grave del previsto."
  63.  
  64. "Penso che purtroppo Facebook faccia sì che si arrivi a banalizzare tutto. Io non so quanto queste persone sappiano delle vicende processuali o di cosa possa essere stato per una persona come Alberto Biggiogero vivere un'esperienza del genere, cosa ha potuto significare uscire con un amico una sera ed essere trattenuto in caserma per ore, uscire la mattina e scoprire che l'amico di una vita è morto," conclude Valentina Calderone. "Non si può banalizzare così quanta fatica si fa nelle aule dei tribunali, quanta fatica  devono sopportare i famigliari per riuscire ad essere ascoltati, quanto durano i processi, quanto sia straziante doversi confrontare e doversi sentire sempre giudicati per una serie di aspetti legati alla propria vita privata quando si sta semplicemente chiedendo verità e giustizia."
  65.  
  66. * * *
  67.  
  68. Segui Nicolò [su Twitter][23].
  69.  
  70. Per ricevere tutte le notizie da _the Submarine_, metti Mi piace su Facebook, e [iscriviti al nostro gruppo][24].
  71.  
  72. [1]: https://www.facebook.com/nonuscireilsabatopervedereungiornoinpretura/?ref=br_rs
  73. [2]: https://www.facebook.com/Nonsonobellomaspaccio/
  74. [3]: https://www.facebook.com/IntrashTtenimento2.0/
  75. [4]: https://www.vice.com/it/article/8xvbvz/non-uscire-il-sabato-per-vedere-un-giorno-in-pretura-facebook
  76. [5]: https://www.teezily.com/stores/ungiornoinpretura
  77. [6]: http://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/01/spaccio.jpg
  78. [7]: http://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/01/Giuseppe-Uva.jpg
  79. [8]: https://www.abuondiritto.it/it/
  80. [9]: https://parlamento17.openpolis.it/parlamentare/luigi-manconi/274664
  81. [10]: http://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/01/logo_abd_asso.jpg
  82. [11]: http://www.ilpost.it/2014/02/07/giuseppe-uva-accuse-procura-generale-cassazione/
  83. [12]: http://www.varesenews.it/2016/06/i-pm-abate-e-arduini-sanzionati-dal-csm/525687/
  84. [13]: http://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/01/Agostino-Abate.jpg
  85. [14]: https://www.youtube.com/watch?v=C_ydr_IOnZg
  86. [15]: https://www.youtube.com/watch?v=PhIHU8hvshs
  87. [16]: http://thevision.com/intrattenimento/un-giorno-in-pretura/
  88. [17]: http://www.varesenews.it/2017/05/lavvocato-marsico-difendera-i-pm-abate-e-arduini-in-cassazione/618308/
  89. [18]: https://www.istitutobeck.com/disturbi-di-personalita/disturbo-borderline-personalita
  90. [19]: http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_febbraio_15/varese-alberto-biggioggero-testimone-caso-uva-uccide-padre-una-coltellata-15cb1a20-f3b3-11e6-a927-98376e914970.shtml
  91. [20]: http://www.laprovinciadivarese.it/stories/Cronaca/il-padre-smentisce-bigioggero-ecco-come-ando-quella-sera_1095727_11/
  92. [21]: https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/11/andrea-alongi-la-deposizione-cult-spopola-in-rete-diciamo-la-verita-della-polizia-e-dei-carabinieri-chai-paura-quando-hai-il-fumo-ma-della-polizia-municipale/2897057/
  93. [22]: http://www.prismomag.com/berluscuteness/
  94. [23]: https://twitter.com/Uvastro
  95. [24]: https://www.facebook.com/groups/1868148419925050/
RAW Paste Data
We use cookies for various purposes including analytics. By continuing to use Pastebin, you agree to our use of cookies as described in the Cookies Policy. OK, I Understand
Top