SHARE
TWEET

Untitled

a guest Mar 29th, 2017 61 Never
Not a member of Pastebin yet? Sign Up, it unlocks many cool features!
  1. {{Organizzazione
  2. |Nome = Istituto di Ricerche Economico Sociali del Piemonte
  3. |Nome ufficiale =
  4. |Nome ufficiale2 = <!-- fino a 10 -->
  5. |Logo =
  6. |Immagine =
  7. |Didascalia =
  8. |Abbreviazione = IRES Piemonte
  9. |Tipo = Centro di ricerca pubblico
  10. |Affiliazione =
  11. |Fondazione = 9 maggio 1958
  12. |Fondatore =
  13. |Scioglimento =
  14. |Scopo =
  15. |Naz sede = ITA
  16. |Sede = Torino
  17. |Link sede =
  18. |Altre sedi =
  19. |Area =
  20. |Carica =
  21. |Naz presidente = ITA
  22. |Presidente = [[Mario Viano]]
  23. |Direttore = [[Marco Sisti]]
  24. |Lingua =
  25. |Lingua2 = <!-- fino a 7 -->
  26. |Membri =
  27. |Anno membri =
  28. |Bilancio =
  29. |Anno bilancio =
  30. |Patrimonio =
  31. |Anno patrimonio =
  32. |Impiegati =
  33. |Anno impiegati =
  34. |Volontari =
  35. |Anno volontari =
  36. |Motto =
  37. }}
  38.  
  39. L’'''Istituto di Ricerche Economico Sociali del Piemonte''' (IRES Piemonte) è un istituto pubblico di ricerca che svolge attività d’indagine in campo socioeconomico e territoriale. L’Istituto fornisce alla Regione Piemonte dati e analisi utili all'esercizio delle funzioni di programmazione e valutazione delle politiche. A questo scopo l'IRES Piemonte collabora sia con istituzioni ed enti locali piemontesi, sia con altri soggetti che operano nel mondo della ricerca a livello nazionale ed internazionale.
  40.  
  41. == Sede e organizzazione ==
  42. L'IRES Piemonte ha sede in via Nizza 18 a Torino.
  43.  
  44. Costituito nel 1958 su iniziativa della Provincia e del Comune di Torino, con la partecipazione di altre enti pubblici e privati, IRES Piemonte ha visto successivamente l’adesione di tutte le Province piemontesi. Dal 1974 l’Istituto è un ente strumentale della Regione Piemonte. Organizzazione e compiti sono attualmente definiti dalla legge regionale n. 43 del 03 settembre 199, recante titolo "Nuova disciplina dell'Istituto di Ricerche Economico e Sociali del Piemonte - I.R.E.S.. Abrogazione legge regionale 18 febbraio 1985, n. 12"
  45.  
  46. Sono Organi dell'Istituto:
  47. a) il Consiglio d'amministrazione, composto da cinque membri, eletti dal Consiglio regionale a scrutinio segreto, con voto limitato a tre
  48. b) il Presidente, nominato insieme al Vice Presidente e in seno al Consiglio di amministrazione dal Presidente della Giunta Regionale
  49. c) il Collegio dei Revisori, composto da tre membri nominati con decreto del Presidente della Giunta Regionale, previa deliberazione del Consiglio Regionale.
  50.  
  51. È inoltre Organo consultivo dell'Istituto il Comitato scientifico, composto da sette membri, eletti dal Consiglio di amministrazione, in modo da assicurare la presenza delle diverse aree culturali e scientifiche.
  52.  
  53. Il Direttore dell'IRES Piemonte è nominato dal Consiglio di amministrazione. Per la nomina a Direttore sono richiesti adeguati requisiti tecnico-professionali, maturati anche attraverso esperienze in enti o strutture di ricerca.
  54.  
  55. == Storia ==
  56. Nel luglio del 1957 il Consiglio provinciale di Torino deliberò la costituzione dell’Istituto Ricerche Economiche-Sociali (IRES), aperto all’adesione di altri enti pubblici e privati. Tale decisione ebbe luogo dopo la creazione, in seno all’amministrazione provinciale, di un “Assessorato al Coordinamento di Iniziative per lo Sviluppo Economico-Sociale”, la cui responsabilità venne assegnata ad Aldo Valente, dirigente industriale particolarmente attento ai problemi sociali e primo presidente dell’IRES. L’atto di costituzione dell’Istituto fu sottoscritto il 9 maggio 1958 dalla Provincia e dal Comune di Torino. Ai due enti fondatori si affiancarono inizialmente la Camera di Commercio, la Cassa di Risparmio di Torino, la Fiat, la SIP e l’Olivetti. Primo direttore dell'Istituto, dal 1958 al 1968, fu il prof. [[Siro Lombardini]].
  57.  
  58. Nel 1970 la Provincia di Torino trasferì al Consiglio Regionale la competenza di modificare lo Statuto dell’IRES affinché natura, finalità e strutture dell’Istituto potessero adeguarsi alle esigenze della neonata Regione. Nel 1972 il Consiglio regionale approvò dunque un nuovo Statuto dell’Ente, la cui denominazione ufficiale fu mutata in “Istituto Ricerche Economico Sociali del Piemonte”. Il Consiglio regionale stabilì poi, con provvedimenti legislativi successivi, emanati a partire dal 1973, che per gli studi necessari alla redazione dei piani d’intervento regionale l’amministrazione si sarebbe avvalsa dell’aiuto dell’IRES.
  59.  
  60. Nel 1974, grazie all’approvazione di una nuova legge regionale, l’IRES divenne a tutti gli effetti un ente della Regione, dotato di personalità giuridica di diritto pubblico. Quasi dieci anni dopo, nel 1985 un nuovo intervento normativo specificò ulteriormente le funzioni di IRES quale ente strumentale, qualificandolo come “struttura primaria di ricerca della Regione Piemonte”, incaricata di sviluppare la propria attività in raccordo con le esigenze dell’azione programmatoria e operativa della Regione stessa e degli altri enti pubblici piemontesi.
  61.  
  62. L’assetto istituzionale dell’IRES trovò infine la sua compiuta sistemazione con la legge regionale n. 43/1991 che formalmente costituì il “nuovo” Istituto di Ricerche Economico Sociali del Piemonte. La costituzione di un nuovo Istituto, che subentrava al precedente di uguale denominazione, fu resa necessaria per consentire l’inquadramento del personale all’interno del contratto nazionale per i dipendenti delle Regioni a Statuto ordinario e la soluzione dei problemi connessi al loro trattamento previdenziale.
  63.  
  64. Da allora l’attività di ricerca dell’IRES Piemonte ha abbracciato i più diversi ambiti d’intervento, in linea con le esigenze emerse in seno all’amministrazione regionale e con i mutamenti istituzionali e sociali: dalla pianificazione territoriale alle riforme amministrative, dall’immigrazione alle politiche di welfare, dal sistema delle imprese al mer- cato del lavoro, dalla finanza locale alla rete dei trasporti, dalle organizzazioni culturali all’innovazione tecnologica ed informatica. Fino ad arrivare al 2013, quando l’IRES iniziò ad occuparsi anche di sanità pubblica, in seguito al trasferimento all’Istituto delle funzioni in precedenza attribuite all’Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari (A.Re.S.S.).
  65.  
  66. L’intervento normativo più recente risale alla legge regionale n. 3 dell’8 febbraio 2016, che disegna una nuova missione per l’Istituto e ne rilancia il ruolo come agenzia di servizio sul fronte dell’analisi e della valutazione delle politiche pubbliche.
  67.  
  68. == Una nuova missione: valutare le politiche pubbliche ==
  69. La [http://arianna.consiglioregionale.piemonte.it/iterlegcoordweb/dettaglioLegge.do?urnLegge=urn:nir:regione.piemonte:legge:2016;3@2017-4-12 legge della Regione Piemonte n. 3 dell’8 febbraio 2016] amplia la missione dell'IRES Piemonte per e ne rilancia il ruolo come agenzia di servizio sul fronte dell’analisi e della [[Valutazione delle politiche pubbliche|valutazione delle politiche pubbliche]]. Con questa espressione, valutazione delle politiche, si fa riferimento ad un insieme piuttosto variegato di tecniche e strumenti d’analisi, mutuati dall’esperienza delle scienze sociali e utilizzati per rispondere a domande relative alla concreta utilità degli interventi pubblici. Ciò che è stato fatto funziona davvero? Produce gli effetti sperati? Su quali categorie di beneficiari sembra produrne di maggiori? Quali ne sono le cause? Si tratta di effetti di lungo o di breve periodo? E quanto costa produrre tali effetti?
  70.  
  71. Fino al 2016 l’attività di ricerca dell’Istituto si è concentrata nell’osservazione attenta dei diversi fenomeni economici e sociali - come l’occupazione, l’immigrazione, le dinamiche demografiche, l’inquinamento, la produzione industriale e agricola, le presenze turistiche, i consumi culturali - al fine di descriverne l’entità ed eventualmente di prevederne l’evoluzione futura. La nuova missione ha imposto all'Istituto la necessità di allargare lo sguardo e di porre al centro delle proprie indagini le politiche pubbliche e la loro capacità di risolvere i problemi della collettività. Dalla diagnosi delle “patologie” che motivano l’intervento pubblico si passa alla verifica dell’efficacia dei rimedi adottati.
  72.  
  73. == Attività ==
  74. Sono compiti istituzionali dell'I.R.E.S Piemonte:
  75. <br />a) la redazione della relazione annuale sull'andamento socio-economico e territoriale della Regione, articolata anche per ambiti subregionali;
  76. <br />b) la conduzione di una permanente attività di osservazione, documentazione ed analisi sulle principali grandezze socio-economiche e territoriali del sistema regionale;
  77. <br />c) lo svolgimento di periodiche rassegne congiunturali sull'economia regionale;
  78. <br />d) lo svolgimento delle ricerche connesse alla redazione ed all'attuazione del piano regionale di sviluppo;
  79. <br />e) lo svolgimento di studi e approfondimenti riguardo l'analisi e la valutazione delle politiche pubbliche regionali;
  80. <br />f) lo svolgimento di missioni valutative, promosse dal Comitato per la qualità della normazione e la valutazione delle politiche, di cui all'articolo 46 del Regolamento interno del Consiglio regionale, per soddisfare le esigenze conoscitive del Consiglio regionale stesso, inerenti all'analisi e la valutazione delle politiche regionali;
  81. <br />g) il supporto per l'adempimento degli obblighi informativi previsti dalle clausole valutative;
  82. <br />h) la conduzione di studi preparatori per l'evoluzione e il miglioramento delle politiche regionali;
  83. <br />i) lo svolgimento delle funzioni che, ai sensi dell'articolo 40 della legge regionale 7 maggio 2013, n. 8 (Legge finanziaria per l'anno 2013) sono trasferite all'Istituto.
  84. <br />l) la realizzazione di ricerche di settore nell'ambito delle competenze regionali, su incarico degli organi e delle strutture competenti della Regione
  85. <br />m) l'organizzazione di iniziative di formazione a favore del personale della Regione e degli Enti locali e pubblici, su incarico delle Amministrazioni interessate.
  86.  
  87. == Ambiti di ricerca ==
  88. Il [http://ires.piemonte.it/images/IRES_PROGRAMMATRIENNALE_web.pdf Programma Triennale 2017-2019] prevede che l'IRES Piemonte svolga attività di ricerca in dieci differenti ambiti tematici:
  89. # Ambiente e Territorio
  90. # Cultura e Promozione della Conoscenza
  91. # Finanza Territoriale e Fisco
  92. # Immigrazione e Integrazione Sociale
  93. # Industria e Servizi
  94. # Istruzione e Lavoro
  95. # Popolazione e Società
  96. # Salute e tecnologie sanitarie
  97. # Sviluppo Rurale e Agroalimentare
  98. # Trasporti e mobilità
  99.  
  100. Con riferimento a questi ambiti tematici l’IRES Piemonte ha gestito o coordinato negli ultimi anni - spesso collaborando con altri enti - alcuni osservatori regionali:
  101. *[http://www.ocp.piemonte.it Osservatorio culturale del Piemonte]
  102. *[http://www.piemonteimmigrazione.it/site/ Osservatorio sull’Immigrazione in Piemonte]
  103. *[http://www.demos.piemonte.it Osservatorio demografico territoriale del Piemonte]
  104. *[http://www.sisform.piemonte.it Osservatorio sul sistema formativo del Piemonte]
  105. *[http://www.sisreg.it Sistema degli indicatori sociali regionali]
  106. *[http://www.irespiemonte.it/prospera/prospera.html Osservatorio agroalimentare del Piemonte - PROSPERA]
  107. *Osservatorio economia reale
  108. *[http://finanzaterritoriale.irespiemonte.it Osservatorio sulla Finanza Territoriale]
  109. *Centro di monitoraggio regionale della sicurezza stradale
  110.  
  111. == Collegamenti esterni ==
  112. * [http://ires.piemonte.it Sito ufficiale]
  113.  
  114. {{portale|piemonte}}
RAW Paste Data
We use cookies for various purposes including analytics. By continuing to use Pastebin, you agree to our use of cookies as described in the Cookies Policy. OK, I Understand
 
Top